Gabriele Martinelli era stato accusato di abusi sessuali dentro al Vaticano. Poi è diventato prete con l’aiuto di alti prelati.

CITTÀ DEL VATICANO — Le segnalazioni cominciano ad arrivare otto anni fa, indirizzate ad alti prelati della Chiesa cattolica, avvertendoli di possibili reati di abuso sessuale. Ma era un caso diverso dal solito.

[Read this article in English]

Insolito lo era già di per sé il profilo dell’accusato: non un prete, ma un chierichetto adolescente, che si sosteneva aver costretto un coetaneo a subire diversi tipi di abusi sessuali, una notte dopo l’altra, lungo l’arco di sei anni. Ma d’insolito c’era anche il contesto indicato: proprio all’interno delle mura vaticane, nel preseminario dove alloggiavano i circa 15 chierichetti al servizio del papa.

“In questo momento [c’è] un ragazzo che non dovrebbe già essere più lì,” si legge in una lettera anonima inviata a Papa Francesco e a vari cardinali nel 2013, nella quale il neoeletto pontefice veniva allertato della presenza di un presunto abusatore “a 20 metri da dove dorme lei.”

Quel presunto abusatore aveva perfino preso parte alla prima messa del papa nella Cappella Sistina.

Per una Chiesa impegnata ad affrontare abusi e insabbiamenti in tutto il mondo, le segnalazioni sul conto di Gabriele Martinelli hanno rappresentato un banco di prova istituzionale. Infatti, in base alle circostanze descritte nella lettera anonima, così come nei resoconti della presunta vittima e di un testimone, tutto sarebbe avvenuto proprio sotto il naso della chiesa. Nel 2013 le accuse contro Martinelli erano state trasmesse al papa e a un’élite di cardinali e vescovi. L’anno seguente il numero tre del Vaticano, riferendosi alle accuse in una missiva, asserì che il papa “ben conosce il caso.”

Gabriele Martinelli regge il messale per Papa Francesco durante la prima messa nella Cappella Sistina del neoeletto pontefice, il 14 marzo 2013. (Vatican Media)
Gabriele Martinelli regge il messale per Papa Francesco durante la prima messa nella Cappella Sistina del neoeletto pontefice, il 14 marzo 2013. (Vatican Media) (Photo by Vatican Media/Photo by Vatican Media)

E tuttavia, nel 2017 Martinelli fu ordinato prete.

“Fu un maledetto sbaglio,” dice intervistato Kamil Jarzembowski, un ex chierichetto che sostiene d’esser stato testimone di “dozzine e dozzine” di abusi commessi da Martinelli ai danni del proprio ex-compagno di stanza.

Solo in seguito all’ordinazione di Martinelli, a causa dell’attenzione mediatica suscitata in Italia, il Vaticano decise di tornare sul caso. Martinelli, che oggi di anni ne ha 28, è così finito sotto processo, imputato di presunti abusi sessuali — è la prima volta che la città-Stato si è trovata a procedere su un caso simile all’interno del proprio territorio. Anche l’ex rettore del preseminario, don Enrico Radice, vi è imputato, con l’accusa di favoreggiamento. Martinelli e Radice negano entrambi d’aver commesso alcun reato.

Ma l’analisi condotta dal Washington Post su una mole di più di 2000 pagine di documenti, prevalentemente inedite, ha rivelato come figure ben più autorevoli all’interno delle gerarchie ecclesiastiche abbiano minimizzato tali segnalazioni, agevolando l’ascesa di Martinelli. Una responsabilità centrale nel determinare le sorti di Martinelli spetta al Cardinale Angelo Comastri e al Vescovo Diego Coletti, i quali — secondo lo stesso Coletti — liquidarono rapidamente le accuse nei suoi confronti come una “calunnia.” Nessuno dei due prelati è coinvolto nel processo, o in altri procedimenti ecclesiastici attualmente noti.

I documenti ottenuti dal Post includono corrispondenza interna alla Chiesa, interrogatori di polizia, testimonianze, e trascrizioni di conversazioni registrate da Martinelli ed estratte dal suo telefono. Alcuni di quei carteggi provengono dal Vaticano, e si riferiscono a interrogatori preparatori del processo cominciato l’anno scorso. Altri ancora sono frutto dell’attività investigativa degli inquirenti di Roma, dove Martinelli e Radice si sono visti ancora una volta imputati in quanto cittadini italiani.

Il seguente resoconto, basato su quei documenti e una serie d’interviste, è l’anatomia di un fallimento piantato nel cuore geografico e amministrativo della Chiesa cattolica. Un fallimento derivante non solo dai fattori che notoriamente caratterizzano gli insabbiamenti ecclesiastici — una predilezione per la segretezza, una pulsione a proteggersi dagli scandali — ma anche dalle difficoltà mostrate dalle autorità ecclesiastiche nel condurre indagini credibili, e nel comprendere i rapporti di potere, la sessualità e il consenso nell’universo adolescenziale.

Il Vaticano ha declinato di rispondere a una lista di domande inviate dal Post, nonché l’invito a condividere il proprio punto di vista su alcuni aspetti fondamentali del caso.

Una fonte ecclesiastica di primo livello, che ha richiesto l’anonimato per sintetizzare il ragionamento della Chiesa, ha spiegato che il Vaticano riteneva che Martinelli “non poteva essere accusato di abuso sessuale,” essendo più grande di appena 221 giorni del compagno chierichetto. Fonti che conoscono bene il caso sostengono che tale convinzione si rifletta in quella che fu la reazione della Chiesa alle segnalazioni, e che questa abbia indotto le autorità a trascurare un aspetto cruciale del rapporto fra Martinelli e la presunta vittima: Martinelli era quello che aveva il potere.

Il Preseminario San Pio X nella Città del Vaticano, intorno al 2009 (Foto per gentile concessione di Kamil Jarzembowski)
Il Preseminario San Pio X nella Città del Vaticano, intorno al 2009 (Foto per gentile concessione di Kamil Jarzembowski) (Courtesy of Kamil Jarzembowski/Courtesy of Kamil Jarzembowski)

In quanto pupillo del rettore, a Martinelli era stato attribuito un ruolo diverso da quello di qualsiasi altro adolescente al Preseminario San Pio X, nome ufficiale dell’istituto. Era lui ad assegnare gli incarichi per le messe papali, selezionando fra gli altri adolescenti quelli che sarebbero stati sistemati di fronte al papa, o al suo fianco — per poi magari ritrovarsi a tu per tu col pontefice in sagrestia. Agli occhi di ragazzi delle medie e superiori che avevano lasciato casa e famiglia in nome dell’aspirazione a servire il papa, Martinelli rappresentava una specie di portinaio papale.

“Approfittava di questa circostanza per esercitare una sorta di dominio sugli altri giovani,” ha dichiarato un sacerdote, Ambrogio Marinoni, interrogato dalle autorità ecclesiastiche dopo l’ordinazione di Martinelli.

Attraverso il proprio avvocato, la presunta vittima ha declinato l’invito del Post a rilasciare un’intervista per via del processo in corso. (Il Post non pubblica mai i nomi delle presunte vittime di abusi sessuali.) E tuttavia il suo resoconto si articola coerentemente nel testo delle sue missive, in un breve memoriale, nella denuncia sporta in Vaticano nel 2018, e nella trascrizione del suo interrogatorio, condotto da un sostituto procuratore di Roma nel 2019.

Viene descritta una situazione di abuso prolungata, cominciata a pochi mesi dall’ingresso della presunta vittima, allora tredicenne, nel preseminario — nel 2013. Durante la prima di quelle notti, Martinelli, che allora di anni ne aveva 14, si sarebbe infilato nel letto del compagno chierichetto, abbassandogli le mutande, e costringendolo a subire sesso orale mentre lui si masturbava.

La presunta vittima racconta d’essersi sentito “pietrificato” e incapace di reagire.

Sostiene poi che Martinelli continuò a tornare — centinaia di volte, per un periodo di sei anni. La presunta vittima afferma d’aver occasionalmente provato a reagire, cercando di far rumore, sbattendo il cassetto del comodino o i pugni sul muro, nella speranza di spaventare Martinelli e mandarlo via, o quanto meno d’attirare l’attenzione di un supervisore. Ma dice anche d’essersi sentito terrorizzato dal rischio di vedersi etichettato come omosessuale, perdere il proprio posto al preseminario ed esser rimandato a casa nel suo paese del Nord Italia — lì dove il calendario della parrocchia esibiva una sua foto di fianco al papa. Proprio a causa dello status di Martinelli, sostiene la presunta vittima, quel sesso divenne “un rituale al quale io non potevo opporre resistenza.”

Secondo l’ex-chierichetto, Martinelli arrivava a sottolineare la propria posizione di potere perfino nel corso degli atti sessuali, dicendo cose come: “Dai, che poi ti faccio servire la messa, faccio subito.”

La presunta vittima ritiene d’esser stato abusato con maggiore frequenza all’approssimarsi delle messe papali.

Un’indagine raffazzonata

Per la Chiesa, una prima occasione persa di capire che cosa fosse successo si delineò nel 2010, quando la presunta vittima tentò per la prima volta d’allertare un’autorità. In tale occasione si rivolse in termini vaghi al rettore, Radice, dicendogli che Martinelli gli stava dando “fastidio.” Ma secondo il suo racconto, in tutta risposta Radice minacciò di mandarlo a casa e parlarne coi genitori, se non avesse smesso di ripetere simili “fandonie.” La presunta vittima riferisce poi di non aver più provato a rivolgersi ad altre autorità nel corso degli ultimi due anni al preseminario.

La seconda occasione di affrontare il caso Martinelli si presentò dopo una serie di segnalazioni ben più chiare, nel 2013. La dettagliata lettera anonima, inviata al papa e a diversi cardinali, si diffuse rapidamente in Vaticano, accendendo un faro sulla vicenda.

Nello stesso periodo, la presunta vittima cercò di far sentire la propria voce. All’epoca non era più un chierichetto, pur restando nell’ambiente ecclesiastico, e cantava in un coro nella Basilica di San Pietro.

Dopo un paio d’incontri in Vaticano, le sue accuse giunsero all’attenzione di Angelo Comastri, che in qualità di Vicario Generale era incaricato della gestione quotidiana delle questioni spirituali nella città-Stato.

Comastri scrisse all’epoca che in preseminario c’era bisogno di “partire con una pagina nuova,” e di un ricambio ai vertici, ma fondamentalmente lasciò la questione in mano a qualcun altro: Diego Coletti, il vescovo di Como, una grande diocesi a oltre 600 chilometri di distanza dal Vaticano.

Benché il luogo in cui i presunti abusi si sarebbero verificati si trovasse all’interno delle mura vaticane, il caso venne assegnato alla Diocesi di Como, a oltre 600 chilometri di distanza (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post)
Benché il luogo in cui i presunti abusi si sarebbero verificati si trovasse all’interno delle mura vaticane, il caso venne assegnato alla Diocesi di Como, a oltre 600 chilometri di distanza (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post) (Chiara Goia/FTWP)

Per una serie di ragioni storiche il preseminario era infatti gestito da una piccola associazione di preti comasca chiamata Opera don Folci, al cui fondatore, amico di Papa Pio XII, era stato chiesto verso la metà degli anni ’50 di allestire all’interno del Vaticano un vivaio per aspiranti preti.

Perciò, agli occhi di alcuni chierichetti non era Coletti quanto Comastri ad incarnare l’espressione massima dell’autorità. E tuttavia, nel luglio del 2013 fu Coletti a incontrare faccia a faccia la presunta vittima, e fu lui a chiedergli di mettere tutto per iscritto. Fu sempre Coletti a ricevere la lettera nella quale la presunta vittima riferì: “Tutt’ora mi capita di svegliarmi nella notte di soprassalto, spaventato, con l’impressione che ci sia qualcuno sdraiato nel mio letto.”

Fu ancora Coletti che lesse la lettera e, secondo la presunta vittima, non rispose mai.

Il vescovo invece si basò sulla versione degli eventi presentata dal presunto abusatore e dal rettore del preseminario — i quali, stando alla documentazione raccolta dagli inquirenti di Roma, negarono tutto. Martinelli e Radice raccontarono al vescovo di rivalità interne alla scuola che avrebbero spiegato la ragione per cui le accuse di abusi sarebbero state inventate. Tre mesi più tardi Coletti si recò in Vaticano per incontrare Comastri, e sostanzialmente dichiarò il caso chiuso.

Nelle parole dello stesso Coletti, messe nero su bianco subito dopo la trasferta, all’interno del preseminario aveva avuto modo di riscontrare un clima “ottimo.” E di ritenere che non sussistesse “fumus alcuno.” Condivise le conclusioni di Martinelli e Radice, per cui tali accuse derivavano in realtà da un conflitto fra gruppetti in competizione fra loro, nonché dall’influenza occulta di un certo altro prete, che Coletti si convinse esser stato l’autore della lettera anonima. Aggiunse di aver ricevuto da Comastri “conferma della macchinosità e della calunnia sottostante alle accuse,” e che lo stesso gli aveva chiesto di archiviare la questione.

“Quindi ritengo, in coscienza, non sia necessario procedere ad ulteriora,” concluse.

All’epoca in cui i presunti abusi si sarebbero verificati, il Cardinale Angelo Comastri era Vicario Generale del Vaticano, incaricato delle questioni spirituali nella città-Stato. (Franco Origlia / Getty Images)
All’epoca in cui i presunti abusi si sarebbero verificati, il Cardinale Angelo Comastri era Vicario Generale del Vaticano, incaricato delle questioni spirituali nella città-Stato. (Franco Origlia / Getty Images) (Franco Origlia/Getty Images)
Diego Coletti, Vescovo di Como dal 2007 al 2016, si limitò a condurre un’indagine sbrigativa (Stefano Cardini)
Diego Coletti, Vescovo di Como dal 2007 al 2016, si limitò a condurre un’indagine sbrigativa (Stefano Cardini) (Photo by Stefano Cardini/Photo by Stefano Cardini)

Anni dopo un sottoposto di Coletti dichiarò che le prove non erano state trovate solo perché gli incaricati non si erano dati la briga di cercarle. A Roma, infatti, Coletti era andato in compagnia di Andrea Stabellini, l’allora vicario giudiziale della sua diocesi, il quale si era convinto che le accuse nei confronti di Martinelli meritassero “approfondimento.” Invece, come si legge nella trascrizione analizzata dal Post della testimonianza offerta da Stabellini ai procuratori vaticani, la sua permanenza romana Coletti l’aveva trascorsa a sparlare di preti e chierichetti.

“Non si sfiorò neanche l’argomento se i presunti fatti di abuso si fossero realmente verificati,” riferisce Stabellini.

A differenza di quanto credeva Coletti, in realtà la lettera non era stata scritta da un altro prete, bensì da Alessandro Flamini Ottaviani, uno studente del preseminario venuto indirettamente a conoscenza dei presunti abusi, che solo anni dopo spiegò come non se la fosse sentita di usare il proprio nome.

Secondo Stabellini, in Vaticano i prelati non prestarono orecchio ad alcun chierichetto, nemmeno alla presunta vittima. La riunione risolutiva a porte chiuse fra Comastri, Coletti e il rettore, riferisce, durò “cinque minuti” in tutto. E mentre lui aspettava fuori un sacerdote, Marinoni, gli confidò che il caso aveva fondamento.

“Quando la riunione tra i tre si concluse, mi rivolsi con espressione interrogativa al Vescovo Coletti,” dice Stabellini ai procuratori vaticani.

Ricordando d’aver sentito Coletti rispondere: “Adesso la questione si chiude.”

E Comastri dichiarare che all’indagine si era messo fine “per il bene della Chiesa.”

Verso l’ordinazione sacerdotale

Martinelli si trasferì successivamente al Pontificio seminario francese, un noto centro di formazione sacerdotale a pochi isolati dal Pantheon. Ma i carteggi dimostrano come, nonostante una sostanziale assoluzione, le autorità vaticane avvertissero ancora la necessità di tenerlo sotto stretta osservazione.

“Le chiedo la cortesia di avere un occhio di riguardo sul seminarista in parola,” scrive l’allora Vescovo Angelo Becciu, all’epoca numero tre del Vaticano, in una missiva in cui fa riferimento alle accuse di abuso. In essa Becciu specifica che tale richiesta veniva fatta “a nome del Santo Padre Francesco, che ben conosce il caso.”

(Becciu, che l’anno scorso è stato rimosso da Francesco dal suo precedente incarico, è imputato di peculato e abuso d’ufficio in un processo in Vaticano che comincerà questo mese.)

Nel mondo delle gerarchie ecclesiastiche Martinelli non era nessuno. Ma negli anni trascorsi in preseminario era diventato un volto familiare a porporati e monsignori. La sua presenza aveva inoltre un rilevante valore simbolico, quello del giovane aspirante sacerdote. In effetti, di tutti i chierichetti mai passati dal preseminario, solo circa 200 avevano finito per diventare preti. Ancor meno poi quelli entrati nell’Opera don Folci, l’associazione che gestisce l’istituto.

Eppure una volta l’Opera era stata un’istituzione ricca e influente. Col tempo però si è andata ridimensionando, fino a contare oggi all’incirca una dozzina di preti in Lombardia, prevalentemente anziani, fiaccata dalla penuria di nuove leve. È proprio in quelle zone che Martinelli sarebbe entrato in servizio, dopo l’ordinazione. Il rettore Radice, a sua volta membro dell’Opera, nel corso del processo ha avuto modo di descrivere Martinelli come un futuro leader.

Martinelli regge il messale durante la prima messa nella Cappella Sistina del neoeletto Papa Francesco, il 14 marzo 2013 (Vatican Media)
Martinelli regge il messale durante la prima messa nella Cappella Sistina del neoeletto Papa Francesco, il 14 marzo 2013 (Vatican Media) (Photo by Vatican Media/Photo by Vatican Media)

La Diocesi di Como riceveva dal Seminario francese aggiornamenti di fine anno sulla performance di Martinelli, attraverso una serie di comunicazioni di natura “confidenziale.” Si trattava sostanzialmente di pagelle, nelle quali si riferiva sull’apprendimento della lingua francese, sul volontariato svolto in ospedale e in un gruppo scout, ma anche sulle “buone relazioni fraterne” coi suoi compagni di studi. Ma qui traspare anche il consolidarsi nel tempo di quelle che erano state le conclusioni tratte da Comastri e Coletti.

“Rimangono un vero punto interrogativo le gravi accuse di cui è stato oggetto,” scrive nel 2015 il rettore del Seminario francese, Antoine Hérouard.

“Sembra sempre più verosimile che il sospetto subentrato … ormai qualche anno fa, si sia rivelato senza fondamento,” conclude Hérouard l’anno dopo.

I documenti analizzati dal Post rivelano un’ulteriore accusa di condotta inappropriata nei confronti di Martinelli. Diversi testimoni hanno infatti informato le autorità italiane e vaticane d’averlo visto palpeggiare i genitali di un altro adolescente all’interno del preseminario. Martinelli ha risposto ai procuratori vaticani sostenendo che “può darsi che ciò sia avvenuto,” inavvertitamente, nel corso di un gioco.

Ma in assenza di alcun pattern noto di comportamento predatorio sessuale, le autorità ecclesiastiche si erano formate la convinzione che le accuse originarie dovessero esser state inventate.

Nel periodo del Seminario francese, il Vaticano assunse un’unica iniziativa fuori dall’ordinario per sondare l’idoneità di Martinelli al sacerdozio, sottoponendolo a una valutazione psichiatrica. L’inusuale misura serviva a discernere eventuali problemi comportamentali, anche di natura sessuale. Ma come Hérouard ha dichiarato in un’intervista al Post, ciò non serviva a stabilire se Martinelli avesse commesso dei reati. La perizia non riscontrò problemi di natura psichiatrica. E secondo Hérouard tale esito contribuì a sollevare il morale di Martinelli.

Hérouard scrisse alla Diocesi di Como che quelle accuse si stavano “allontanando.” Ma ciò era dovuto in parte al fatto che nel frattempo la presunta vittima aveva tagliato i ponti con la Chiesa, essendosi sentito tradito da quelli che ne erano i rappresentanti. Stando a una sua perizia psicologica presentata al processo, gli incubi notturni e gli attacchi di panico che lo perseguitavano lo mandavano ripetutamente al pronto soccorso.

A tentare di suonare un campanello d’allarme a questo punto era rimasta una sola persona: Jarzembowski, l’ex compagno di stanza del preseminario.

Kamil Jarzembowski ha dichiarato d’esser stato testimone di reiterati abusi del proprio compagno di stanza da parte di Martinelli (Gregorio Borgia / AP)
Kamil Jarzembowski ha dichiarato d’esser stato testimone di reiterati abusi del proprio compagno di stanza da parte di Martinelli (Gregorio Borgia / AP) (Gregorio Borgia/AP)

Jarzembowski, un ragazzo originario della campagna polacca, aveva indirizzato a Comastri una lettera poco dopo la breve indagine del 2013. In un’intervista rilasciata al Post dice di aver sperato che ciò spingesse il Vaticano a riesaminare il caso. Al contrario, Jarzembowski riferisce che il giorno dopo aver incontrato il cardinale di persona, nel 2014, gli fu ordinato di fare i bagagli e lasciare il preseminario.

Né il Vaticano né la Diocesi di Como hanno voluto rispondere sull’allontanamento di Jarzembowski. Lo stesso Jarzembowski sostiene di non aver mai ricevuto una spiegazione ufficiale. Nel corso del processo, il sacerdote a capo dell’Opera ha dichiarato che Jarzembowski era stato allontanato perché aveva trasgredito alle regole, dopo esser brevemente fuggito dal preseminario un anno prima. Un documento ufficiale dell’Opera risalente all’anno dell’allontanamento di Jarzembowski, nel quale si forniva una valutazione del suo comportamento, presenta diversi passaggi di natura omofoba, insinuando che uno dei problemi fosse stata l’amicizia di Jarzembowski con altri ragazzi. Vi si descrive un “intenso” e “troppo evidente” legame con un altro compagno di preseminario, definito “la ragione della sua vita,” e Jarzembowski viene inoltre presentato come qualcuno che portava altri “sulla stessa strada.”

L’allontanamento di Jarzembowski, a 18 anni, un anno prima del diploma di maturità, lo fece sentire talmente perso e alienato dalla Chiesa da finire per abbandonare, in seguito, la propria fede. Cercò di farsi sentire in ogni modo.

Quattro giorni dopo il suo allontanamento scrisse a Coletti, riferendogli come Martinelli fosse ripetutamente entrato nella sua camera da letto, costringendo il proprio compagno di stanza al sesso orale. Nove giorni più tardi scrisse una lettera analoga a Becciu. Poi scrisse a Stabellini, l’inquirente diocesano di Como. Ancora a Comastri. E di nuovo a Coletti.

Ma anche quando delle risposte le riceveva, il tono era sbrigativo. “Ti raccomando di rasserenare il tuo animo e di mettere pace nel tuo cuore,” gli consigliò Comastri.

Jarzembowski andò avanti. Le sue lettere hanno finito per rappresentare non solo un diario di quanto affermava d’esser stato testimone, ma anche un registro delle persone che aveva informato. Scrisse al capo dell’Opera, un prete di nome Angelo Magistrelli. Scrisse al numero due del Vaticano, il Cardinale Pietro Parolin. Scrisse alla Congregazione per la Dottrina della Fede, l’organo della Santa Sede per i procedimenti disciplinari. Scrisse al rettore del Seminario francese, dove Martinelli si era trasferito. E quando Coletti stava per andare in pensione, scrisse all’imminente successore alla Diocesi di Como, sotto il quale sarebbe avvenuta l’eventuale ordinazione di Martinelli.

Scrisse anche direttamente a Papa Francesco.

“Nel corso dei miei colloqui diretti o tramite missiva con le autorità [ecclesiastiche,] nessuna di queste ha mostrato di occuparsi del caso denunciato, facendo una qualche indagine,” Jarzembowski scrisse al papa nel novembre 2016. “Nessuno si è preoccupato di accertare e valutare i fatti, mostrando piuttosto una volontà di ignorarli o, peggio ancora, di occultarli.”

Sette mesi più tardi, nel corso di una cerimonia officiata dal nuovo vescovo di Como, Martinelli fu ordinato prete.

La presunta vittima era stato chierichetto al Preseminario San Pio X dall’autunno 2006 alla primavera 2012. Dal 2013 importanti prelati in Vaticano vengono informati delle accuse contro Gabriele Martinelli dalla presunta vittima, dall’ex compagno di stanza della presunta vittima, e da un altro ex preseminarista.

La presunta vittima incontrò Mons. Vittorio Lanzani nel tentativo di rendere noto il presunto abuso.

La presunta vittima incontrò di persona Diego Coletti, vescovo di Como, e poi mise per iscritto le proprie accuse in una lettera inviata a Coletti, datata 10 luglio 2013.

In una lettera anonima Flamini Ottaviani fece il nome di Gabriele Martinelli, segnalando la presenza di un presunto abusatore “a 20 metri” da dove dorme il pontefice.

Per anni l’ex compagno di stanza della presunta vittima scrisse ad alti prelati in Vaticano, e alla Diocesi di Como. Molte di quelle lettere furono inviate nel 2014.

Jarzembowski scrisse direttamente a Papa Francesco in una lettera datata 23 novembre 2016, descrivendo il presunto comportamento predatorio di Martinelli, i propri precedenti tentativi di farsi sentire, e accusando le autorità ecclesiastiche d’insabbiamento.

Una parziale resa dei conti

Don Gabriele Martinelli venne presto messo al lavoro in una valle punteggiata da piccole comunità collegate da una statale, e cinta fra due catene montuose. In giro per la valle si notano chiese abbandonate, e il rarefarsi dei parrocchiani. Qui, Martinelli era stato accolto come una ventata d’aria fresca. Cominciò a guidare i servizi domenicali. A coordinare i programmi giovanili. Partecipò a una sagra delle castagne e organizzò una festa di Halloween durante la quale i bambini si erano travestiti da santi.

Mentre le accuse nei suoi confronti scivolavano sempre più in secondo piano, Martinelli avrebbe anche potuto costruirsi una carriera, in quella valle. Se non fosse stato per Jarzembowski, che in un’intervista rammenta quanto si sentisse nauseato, e senza alternative.

“Avevo provato a risolvere la questione in seno alla Chiesa,” dice Jarzembowski. “Ma a distanza di anni, non mi avevano mai risposto. Così mi sono chiesto, ‘Che cosa posso fare?’”

Ciò che fece fu portare le sue lettere a un giornalista italiano, Gianluigi Nuzzi, il quale a sua volta mise Jarzembowski in contatto con un reporter televisivo, Gaetano Pecoraro. Le due storie, uscite quasi simultaneamente — quella di Nuzzi in un libro, quella di Pecoraro in un programma televisivo — rivelarono le accuse contro Martinelli a cinque mesi dall’ordinazione. Entrambi descrissero i tentativi compiuti da Jarzembowski di suonare il campanello d’allarme, menzionando il coinvolgimento di Coletti e Comastri in un possibile insabbiamento. Il servizio di Pecoraro, nel programma “Le Iene,” includeva un’intervista alla presunta vittima, la cui identità veniva celata.

Il Vaticano comunicò pubblicamente che sarebbe stata condotta una nuova indagine, “in considerazione di nuovi elementi recentemente emersi.”

Di lì a poco Martinelli disse ai propri parrocchiani che sarebbe andato in ritiro spirituale. E come si legge nei documenti interni, la diocesi gli proibì ogni contatto con minori.

“È rimasto qui talmente poco che a stento c’è stato modo di conoscerlo,” racconta un altro prete dell’Opera, Gian Pietro Rigamonti, di 71 anni.

Un poster che annuncia l’ordinazione di Gabriele Martinelli e altri seminaristi, affisso in una chiesa nel suo paese d’origine, Lanzo d’Intelvi, in Italia. (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post)
Un poster che annuncia l’ordinazione di Gabriele Martinelli e altri seminaristi, affisso in una chiesa nel suo paese d’origine, Lanzo d’Intelvi, in Italia. (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post) (Chiara Goia/FTWP)
Gian Pietro Rigamonti, un altro prete dell’Opera, che da giovane frequentò il Preseminario San Pio X, dice che Martinelli quasi non fece in tempo ad ambientarsi prima di dire ai parrocchiani che sarebbe andato in “ritiro spirituale.” (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post)
Gian Pietro Rigamonti, un altro prete dell’Opera, che da giovane frequentò il Preseminario San Pio X, dice che Martinelli quasi non fece in tempo ad ambientarsi prima di dire ai parrocchiani che sarebbe andato in “ritiro spirituale.” (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post) (Chiara Goia/FTWP)

I documenti analizzati dal Post presentano un dietro le quinte più dettagliato delle scelte compiute dalle autorità ecclesiastiche, prima e dopo le inchieste italiane.

Ciò che seguì la trasmissione del 2017 fu una resa dei conti a Como e in Vaticano, parziale e perlopiù riservata. Nei giorni immediatamente successivi a quando andò in onda, diversi preti precedentemente in servizio al preseminario si misero in contatto col nuovo vescovo di Como, Oscar Cantoni. Stando a un rapporto stilato dallo stesso, i sacerdoti gli riferirono di come fossero sempre stati convinti della fondatezza delle accuse contro Martinelli, e di come Radice avesse imposto loro il silenzio. Così il nuovo vescovo di Como chiese il permesso a Becciu, all’epoca braccio destro di Francesco, di ri-indagare.

Il risultato di tale indagine fu un rapporto di 21 pagine trasmesso alla Santa Sede ma non divulgato. Il documento — uno di quelli di cui il Post è entrato in possesso — si esprime in modo aspramente critico sui passi falsi compiuti nella gestione del caso Martinelli, ma si dilunga anche in affermazioni non-scientifiche su aspetti riguardanti il consenso e lo sviluppo sessuale adolescenziale. Il rapporto asfalta Coletti, sostenendo che la sua indagine fosse stata sviata da pregiudizi, e “quantomeno superficiale.” Il nucleo centrale delle accuse della presunta vittima viene ritenuto “attendibile” e “coerente.” Ma si conclude che il comportamento di Martinelli, per quanto inappropriato, sia da considerarsi comprensibile per degli adolescenti, nei quali “accade frequentemente che non vi sia perfetta consonanza di volontà.”

“I comportamenti de quibus sono stati l’espressione di una tendenza omosessuale transitoria, di un’adolescenza non ancora compiuta,” scrisse Cantoni alla fine del rapporto.

Su richiesta del Post, Simon Hackett, docente esperto di abusi e negligenza su minori all’Università britannica di Durham — specializzato sul tema dei reati sessuali nel mondo dell’infanzia, ha commentato il caso, del quale gli sono stati sintetizzati gli aspetti salienti, dicendo che le autorità ecclesiastiche sembravano alla ricerca di un modo per spiegare-ergo-allontanare il problema da sé, lasciandosi sviare dal tema dell’omosessualità invece di concentrarsi sui potenziali abusi.

“Accomunare l’omosessualità, ovverosia una forma legittima di comportamento sessuale, con l’abuso sessuale è profondamente problematico,” dice Hackett.

Nel processo, le cui udienze sono state aperte a un ristretto pool di giornalisti, si sta vagliando se il comportamento di Martinelli non sia stato solo inappropriato, ma anche un reato. In una serie di udienze a cavallo della pandemia sono stati ascoltati più di dodici testi, inclusa la presunta vittima e l’ex compagno di stanza, Jarzembowski.

Martinelli, che intanto continua a vivere lontano dai riflettori in una casa di riposo gestita dall’Opera, circondato da gente più anziana di lui di parecchi decenni, una volta interrogato ha definito le accuse infondate. A sua volta Radice ha negato ogni colpa.

A soli 28 anni, Martinelli vive nell’Istituto Santa Croce, una casa di riposo per preti a Como (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post)
A soli 28 anni, Martinelli vive nell’Istituto Santa Croce, una casa di riposo per preti a Como (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post) (Chiara Goia/FTWP)
Bambini che giocano sul Lago di Como, un’ambientazione idilliaca in una regione segnata dalla penuria di sacerdoti (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post)
Bambini che giocano sul Lago di Como, un’ambientazione idilliaca in una regione segnata dalla penuria di sacerdoti (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post) (Chiara Goia/FTWP)

Alcuni ex studenti hanno sostenuto di non aver assistito ad alcun abuso. Altri hanno descritto un’istituzione fuori controllo, sotto una supervisione distratta, dove gli studenti si scambiavano costantemente battute a sfondo omosessuale, affibbiandosi reciprocamente nomignoli femminili.

“L’ambiente in sostanza era malsano,” ha detto Flamini Ottaviani, che al preseminario c’era rimasto per un solo anno.

Non esiste alcuna indicazione che Papa Benedetto XVI, il pontefice in carica durante i presunti abusi, fosse al corrente di tali accuse. Quanto a Papa Francesco, esistono informazioni discordanti su quanto attivamente abbia partecipato alla gestione del caso.

Benché a seguirne la maggior parte degli aspetti sia stato un gruppo di prelati sotto Francesco, nel 2017 Martinelli sostenne che fosse stato proprio il papa a ordinare, personalmente, la sua perizia psichiatrica. “È stato il Papa in persona,” sostiene Martinelli nel corso di una conversazione da lui stesso registrata, successivamente estratta dal suo telefono dagli inquirenti di Roma. In un’altra di quelle registrazioni, un uomo chiamato “don Angelo” — “verosimilmente” identificato dai Carabinieri come il sacerdote a capo dell’Opera, Angelo Magistrelli — riferisce a Martinelli che il suo trasferimento al Pontificio seminario francese sarebbe stato incoraggiato dallo stesso papa, nelle convinzione che quelle accuse fossero una “calunnia.” Magistrelli ha rifiutato numerose richieste d’intervista.

Il Vaticano non ha risposto a una domanda sul ruolo svolto dal pontefice, o sull’eventuale mutamento del suo punto di vista sul caso. Nel luglio 2019 Francesco introdusse un apposito provvedimento che permise l’istituzione del processo, evitandone la prescrizione. A maggio il pontefice ha inoltre annunciato che trasferirà il preseminario fuori dai confini della città-Stato vaticana –– decisione che il Vaticano sostiene esser slegata dal processo.

I nomi del Vescovo Coletti e del Cardinale Comastri sono stati ripetutamente menzionati da chi è stato chiamato a testimoniare. Ma il processo non si è concentrato su di loro, né si contano fra i testimoni. Il Vaticano non ha risposto a domande sul ruolo svolto da Coletti e Comastri.

Francesco Zanardi, che ha seguito il processo come rappresentante di un gruppo italiano di vittime di abusi ecclesiastici, ritiene “scandaloso” che la posizione dei due prelati non sia stata più attentamente passata al vaglio dalla Chiesa. Zanardi definisce Radice, l’ex rettore del preseminario accusato di favoreggiamento, “nient’altro che un capro espiatorio.”

A circa trent’anni dall’inizio della crisi degli abusi sessuali, la Chiesa si è dimostrata spesso più incline a punire i sacerdoti di rango inferiore che quei superiori che non reagiscono scrupolosamente alle informazioni ricevute su possibili abusi. Nella gerarchia ecclesiastica i vescovi e i cardinali rispondono solo al papa, e il Vaticano ha faticato a progettare un sistema efficace nel quale i prelati si tengano reciprocamente sotto controllo. In alcune occasioni la Chiesa si è astenuta dall’imporre misure disciplinari a sacerdoti che avessero raggiunto, o quasi raggiunto, l’età della pensione. E tali pene, quando impartite, tendono ad esser tenute riservate, senza spiegazioni da parte del Vaticano.

Jarzembowski dice di ritenere sia Coletti che Comastri “moralmente responsabili.”

“Lei aveva un gruppo di quindici ragazzi da proteggere, ed ha fallito,” scrisse a Comastri nel 2019.

Secondo il suo medico, Coletti, che ha 79 anni, non ha potuto partecipare al processo a causa del proprio stato di salute. Nella perizia trasmessa ai giudici vaticani si sostiene che, benché ancora in grado di svolgere le attività di base della vita quotidiana, Coletti sia affetto da una forma di “decadimento cognitivo,” e da diabete.

Coletti, l’ex Vescovo di Como, vive in una casa vicina a una chiesa del dodicesimo secolo, con un orto e due asini. Non testimonierà al processo in Vaticano per via di quello che il suo medico definisce “decadimento cognitivo” (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post)
Coletti, l’ex Vescovo di Como, vive in una casa vicina a una chiesa del dodicesimo secolo, con un orto e due asini. Non testimonierà al processo in Vaticano per via di quello che il suo medico definisce “decadimento cognitivo” (Foto di Chiara Goia / per il Washington Post) (Chiara Goia/FTWP)

Il vescovo emerito sta trascorrendo gli anni della pensione a nord di Como, nella casa parrocchiale di una chiesa del dodicesimo secolo, con un orto e due asini. Gli abitanti del quartiere lo descrivono ancora attivo nella comunità, raccontando di come lo si veda passeggiare la sera, ascoltare le confessioni, e dire messa con l’aiuto di un’assistente. La donna che ha risposto alla porta dell’abitazione di Coletti ha detto che il vescovo non era presente, e che sarebbe stato via per “giorni.” Si è rifiutata di riferirgli alcun messaggio.

Interpellata, la Diocesi di Como non ha autorizzato Coletti a parlare, né ha voluto rispondere a domande volte a meglio comprendere le sue condizioni mentali.

Comastri, di 77 anni, ha lasciato il suo incarico di Vicario Generale del Vaticano — gesto che alcuni insider ritengono collegato al processo. Ma Comastri ha dichiarato al Post che il suo è solo un normale pensionamento, non una punizione. Il cardinale continua a recitare il rosario nella Basilica di San Pietro, mettendosi in posa per le foto, e benedicendo i bambini dopo la cerimonia di mezzogiorno.

“Un prete non va mai in pensione,” ha commentato Comastri dopo una breve conversazione in sagrestia.

Prima della fine dell’intervista, il cardinale ha voluto riaffermare che il caso Martinelli è stato gestito nel modo appropriato. Sottolineando come, in ogni caso, la responsabilità principale resti in capo a Coletti, e le accuse — che ritiene nate da “gelosie” — non fossero credibili.

“La mia opinione è che qui di accuse serie non ce ne siano,” ha concluso.

Su questa storia

Story by Chico Harlan and Stefano Pitrelli. Graphics by Artur Galocha. Photos by Chiara Goia, Stefano Pitrelli/The Washington Post, Vatican Media, Giuseppe Lami /Pool/AP, Fabrizio Cusa, Osservatore Romano/Getty Images/AFP, Alessandro Di Meo/EPA/Shutterstock, Gregorio Borgia/AP, Richard Drew /AP, and Andreas Solaro/AFP/Getty Images. Project editing by Marisa Bellack. Photo editing by Chloe Coleman. Design and development by Emily Wright. Copy editing by Gilbert Dunkley and Martha Murdock.

Toutes les actualités du site n'expriment pas le point de vue du site, mais nous transmettons cette actualité automatiquement et la traduisons grâce à une technologie programmatique sur le site et non à partir d'un éditeur humain.

Comments